Appuntamento a Detroit per il nuovo suv Ford Explorer

ROMA – Quello che Ford ha inserito in calendario una settimana prima dell'apertura del Detroit Auto Show 2019 (e non a caso in concomitanza con il CES di Las Vegas) è un appuntamento davvero importante, in quanto l'arrivo di un nuovo modello nell'offerta suv è un sicuro elemento di rafforzamento della presenza dell'Ovale Blu nei vari mercati mondiali. Si tratterà dunque di un evento 'fuori salone', in quanto il prossimo 9 gennaio sarà l'arena sportiva Ford Field – sede dei celebri Detroit Lions – ad ospitare il debutto in prima mondiale del nuovo large suv Explorer, ormai pronto per la produzione in pre-serie e previsto per la commercializzazione come model year 2020. Dalla Casa di Dearborn non arrivano dettagli su questo modello, ma un'anticipazione del magazine specializzato MotorAuthority colma questa momentanea carenza. Costruito sulla piattaforma CD6, la stessa del suv premium Lincoln Aviator, il Ford Explorer ha – come mostrano alcune immagini di prototipi con mascheratura optical – una carrozzeria improntata alla massima funzionalità e dimensionata per ospitare 7-8 persone suddivise su tre file di sedili. La gamma dei propulsori, solo benzina, comprenderà un 4 cilindri turbo di 2,3 litri, un V6 biturbo 3,0 litri e un V6 3,3 litri disponibile, quest'ultimo, anche in variante elettrificata con sistema ibrido. Particolarmente apprezzato nella generazione attuale dalla Polizia degli Stati Uniti, il Ford Explorer avrà prestazioni ancora superiori nella variante più 'pepata', cioè la V6 biturbo 3.0, e non è escluso che questa motorizzazione – ulteriormente potenziata – possa essere successivamente al lancio della nuova gamma, la base per una variante sportiva Explorer ST, sulla scia di quanto accaduto per l'Edge ST.
Pubblicato su ANSA